Sinj villas

Questa è la perla dell’entroterra dalmata. E’ circondata dalle montagne di Kamešnica, Svilaja e Dinara. La fredda e chiara Cetina, la lunga riviera che separa questa regione in due parti.

Verso Sinj, come centro storico del paesaggio, ma anche dell’intero entroterra, gravitano le piccole cittadine di Trilj, Dicmo, Hrvace, Otok, Brnaze, Turjaci.

La città meglio conosciuta è Alka, dove viene ricordato il gioco dei cavalieri di Sinj sui turchi. Inoltre Sinj trattiene molte attrazioni, istituzioni culturali e delizie gastronomiche, sarà interessante sapere che in questa città ci sono più di 100 caffè!

E’ piccola ma ricca, vale la pena passare a dare un’occhiata!

Sinj era abitata in epoca preistorica. Lo confermano i ritrovamenti archeologici e la cultura di Cetina. Nell’era del bronzo arrivarono gli Illiri, sostituiti poi dai Romani.

Dopo la caduta dell’impero romano nel settimo secolo, Sinj fu abitata dai croati che ricevettero la cultura cristiana dai Franchi. Dopo la formazione della corona croata, Sinj fu fortificata. Il principato di Cetina divenne forte sotto il potere di Šubić e dal 1345 da Nelipić.

Ci furono frequenti attacchi Turchi, che distrussero la città nel 1513, ma nel 1686 andò al potere veneziano. Nonostante questo, i turchi non mollarono: provarono di nuovo a conquistare Sinj nel 1715 in un’importante battaglia, dove solo 700 guerrieri di Sinj battagliarono contro cento mila turchi. Indeboliti dalla fame e dalla dissenteria, i turchi presero Cetina.

Dal 1797 divennero regioni veneziane fino al 1918 con l’avvento dell’Austria e nel ventesimo secolo, così come il resto della Croazia, in due Jugoslavie con una finale creazione della Repubblica Croata.

La cucina di Sinj è una combinazione di più cucine: mediterranea e orientale dovuta all’influenza dei turchi.
Grazie alla regione di Cetina ci sono rane, gamberi, trote e la delicata arambašići, manzo tagliato a pezzi con prosciutto affumicato e spezie.
Il giorno di Alka viene tradizionalmente preparato del prosciutto dalmata stufato, formaggio, zuppa di manzo, spaghetti e maiale arrosto, anatra in salsa tutto nella maniera tradizionale di Sinj. Per il 15 agosto, festa dell’assunzione di Maria, viene preparato il manzo, spaghetti, manco bolliyo e gamberi e rane. I dessert tradizionali sono ravioli, fritti, cotognata e donuts, ovviamenteaccompagnati da vini bianchi e rossi fruttati.

Questa piccola ma viva cittadina ha molto da offrire, vedere e sperimentare.
alkaAlka – In turco “anello”, è un gioco di cavalieri che ha luogo la prima domenica di agosto di ogni anno in memoria della grande vittoria sui turchi nel 1715.
Salone di Alka – Il motivo originale di questa costruzione era la base della cavalleria croata e oggi è un museo.
Monumento di Alkar – E’ uno dei simboli dell’inizio della pista e gara di Alka.
Palazzo di Tripalo – E’ un monumento protetto del 19esimo secolo appartenente alla famosa famiglia di Tripalo. E’ al centro della città e ha ancora l’aspetto originario.
Kamičak – Uno dei più scenici e memorabili simboli di Sinj. E’ una fortezza a forma di stella ed è situato al centro di Sinj tra le sale di Alka.
Il museo della regione di Cetina – ti aspetta se vuoi imparare di più della storia della regione.
Fiume di Cetina – Questo fiume è famoso per il rafting e il canoa. Ci sono le competizioni di Cetina che includono kayak, nuoto, apnea, e altre sorprese.

Nearby Villas

For a free & immediate callback, enter your number below and we will call you as soon as possible.